Mi Confino

Mi confino nel silenzio.

E mi chiedo perché dovrebbe essere così difficile starsene da soli. Non ho voglia di parlare di puttanate, non ho voglia di ascoltare le tue puttanate. Qual è la faccia migliore per dirlo? Un’espressione di disinteresse/compatimento/disgusto/noia non basta? No perché se non basta io posso fare di peggio eh.
Posso fare un cenno con la mano come a dire “basta oh, tagliala qui”, oppure posso girarmi dall’altra parte dove troverò sicuramente qualcosa di meglio da osservare della tua faccia irritante.
Posso anche sforzarmi di aprire la bocca e pronunciare qualche sillaba di disappunto: “No scusa, non ti sto ascoltando”.
L’ho fatto. Beh, più di una volta.
Non mi interessa, non mi serve, non c’è nulla nelle tue parole che riesca ad agganciare il mio cervello al filo del discorso. Non mi interessa.
Continue reading

Il Chimico e il Boomerang

Esistono parole che prese cosí, da sole, non dicono nulla se non quello che significano sul dizionario. Particelle di discorsi, utili a loro stesse e nulla più.
Ma se le metti insieme…beh, viene fuori un mondo.
Prendi per esempio “Ti” e “Voglio”.
“Ti” quand’é solo soletto non significa nulla, strutturalmente minimo, candido riferimento a qualcuno che sta lí ad ascoltarti, o a leggerti; “Ti”, a te, attento che arriva il seguito e poi vedrai se sará il caso di rallegrarti o no, tutto può essere: “ti amo”, “ti uccido”, “ti stimo”, “ti sto sul cazzo?”, “ti devo dire una cosa”.
Potrebbe ritrovarsi ad assistere a qualsiasi scena, questo piccolo, utilissimo matrimonio di consonante e vocale. Questo piccolo duo che non basta a se stesso.

Continue reading

Le lamiere del Titanic

Il titanic che affonda.

Si dice che, quando il Titanic venne dilaniato dall'iceberg, per alcuni minuti si sentì uno straziante rumore di lamiere metalliche divelte, una serie assordante di suoni cacofonici che annunciavano la tragedia. Durò alcuni minuti, tanto era grande la nave.

Mi chiedo se succeda lo stesso con le vite, se prima di affondare queste emettano un avvertimento, un avviso, un ultimo disperato grido rivettato di aiuto.

Continue reading

Il nostro nuovo blog

Questo è un nuovo blog, per ora ci scriviamo in due, io e cercakundalini, nel futuro non si sa.

Così almeno abbiamo tolto il post automatico di wordpress. Domani scriverò il primo mio contributo vero e qualche riga di presentazione.